loader
14/11/2018 - news

L’ALLEANZA ITALIANA PER L’ECONOMIA CIRCOLARE E ACCENTURE DICHIARANO IL PROPRIO IMPEGNO VERSO L’AMBIENTE: PRESENTATO A ECOMONDO IL POSITION PAPER, UNA ROAD MAP PER IL PAESE

FaterSMART, Enel, Intesa Sanpaolo, Novamont, Costa Crociere, Gruppo Salvatore Ferragamo, Bulgari e Eataly insieme ad Accenture sono le aziende firmatarie del documento che sancisce gli impegni per accelerare la conversione a un modello circolare di busine

FaterSMART economia Circolare

La trasformazione dei sistemi produttivi e di consumo nell’ottica dell’Economia Circolare rappresenta un’opportunità unica per il sistema e per il nostro Paese. Lo hanno compreso Enel, Intesa Sanpaolo, Novamont, Costa Crociere, Gruppo Salvatore Ferragamo, Bulgari, Fater e Eataly che, forti del proprio impegno per un continuo miglioramento sul fronte dell’innovazione, della competitività e delle prestazioni ambientali, hanno deciso di stringersi intorno all’Alleanza per l’Economia Circolare, di cui il progetto FaterSMART fa parte.

Durante la 22° edizione di Ecomondo a Rimini, l’Alleanza ha presentato, insieme ad Accenture, il suo Position Paper, tracciando una Road Map per il Paese e identificando 4 priorità d’intervento:

Ø  Semplificazione dell’impianto normativo per favorire il riutilizzo delle risorse

Ø  Supporto all’innovazione sostenibile

Ø  Definizione di sistemi di misurazione e KPIs

Ø  Comunicazione e sensibilizzazione

Il documento si pone l’ambizioso obiettivo di supportare l’Italia a diventare protagonista, con l’Europa, del percorso di trasformazione verso un modello circolare dell’economia e a mantenere gli impegni internazionali presi dal nostro Paese, a partire dall’impegno a contrastare i cambiamenti climatici e dalla creazione dei presupposti per il raggiungimento dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU.

 

“La dirompenza dell’economia circolare è nella sua positività”, si legge sul documento, dal quale emerge che la principale sfida per le aziende, è la gestione della complessità del cambiamento ma, supportare la transizione verso modelli di economia circolare, dovrebbe essere una priorità nell’agenda delle Istituzioni, dal momento che il tema coniuga alcune delle grandi direttrici della politica economica, industriale e sociale: dalla digitalizzazione all’Impresa 4.0, dalla trasformazione del sistema energetico verso fonti rinnovabili al cambiamento delle modalità di consumo, fino alla creazione di posti di lavoro, innovazione e competitività.

approfondisci

scarica pdf

Login

Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione del sito.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi